Draghi in visita a Palmanova, striscioni di CasaPound contro il caro vita



Palmanova (UD) 21 marzo - "No al caro bollette, no al caro carburante" è questo il chiaro messaggio di CasaPound Italia che, in occasione della visita di Mario Draghi al Centro della Protezione Civile di Palmanova, riserva un'accoglienza tutt'altro che ospitale al Primo Ministro italiano.

"Il Governo continua a prendere in giro gli italiani con provvedimenti tampone che non risolvono un problema strutturale dell'Italia. Da anni - dichiara CasaPound Italia - chiediamo che l'Italia metta in campo un piano energetico nazionale che rilanci l'energia nucleare in modo da renderci meno dipendenti da altre nazioni che, come in questo caso, possono destabilizzare completamente la nostra economica nel giro di pochi giorni. E invece il Governo, oltre a non prendere in considerazioni strumenti di autosufficienza energetica a lungo termine, propone agli italiani lo strumento migliore che la politica di Draghi conosce: il debito. Sicuramente - prosegue CasaPound Italia - proporre la rateizzazione delle bollette non solo è una presa in giro, ma è una misura che posticipa un problema che, prima o dopo, dovrà essere affrontato.

Sul carburante, poi, il Governo prosegue nella sua politica di illusione mettendo in campo l'ennesimo provvedimento spot che prevede un taglio delle accise fino a fine aprile. Anche in questo caso, le decisioni del Governo non riescono ad andare oltre all'immediato e non hanno alcun tipo di strutturalità. Abbiamo proposto nei giorni scorsi - precisa CasaPound Italia - un abbassamento dell'iva dal 22% al 4% ed il taglio delle accise. Si tratta di provvedimenti promessi più volte in passato da altri personaggi da campagna elettorale che oltre a dare finalmente respiro a tutti gli italiani, specialmente lavoratori pendolari e autotrasportatori, riporterebbero un pò di giustizia sociale in un'Italia martoriata dalle tasse. E' chiaro - conclude CasaPound Italia - che questo Governo non pensa alla giustizia nè all'equità ma al mantenimento di uno status quo che sta portando migliaia di italiani sull'orlo del tracollo economico"

67 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti