CasaPound in piazza contro il DDL Zan

Ddl Zan, CasaPound: manifestazione in centro a Trieste, “legge non deve passare, difendere la libertà di espressione”


È questa la risposta di CasaPound Italia sulla proposta di legge presentata al Senato e che sarà votata il prossimo martedì 13 luglio. “Il DDL Zan non deve passare, non è neanche lontanamente pensabile inserire all'interno del nostro ordinamento giuridico una legge che lascia ogni tipo di discrezionalità ai giudici, senza tener conto di quelli che sono i più basilari fondamenti del diritto – afferma CasaPound Italia FVG in una nota. Le associazioni LGBTQ+ che spingono per l'approvazione del disegno di legge non sono minimamente rappresentative della società italiana: si tratta di gruppi di interesse e nulla di più. La loro non è certo una battaglia di civiltà. Al contrario – prosegue la nota - l'obiettivo palese è quello di silenziare ogni voce di opposizione, andando a scardinare quelli che sono i fondamenti di ogni società sullo stato di diritto. Porsi contro il DDL Zan non significa andare a minare i diritti degli omosessuali che, per altro, godono già di tutti i diritti che spettano a qualsiasi cittadino italiano. Significa difendere un concetto basilare che è quello della libertà di espressione sancita e tutelata dalla Costituzione, scongiurando derive oscurantiste evidentemente tanto care a chi vorrebbe vedere in galera chiunque sia contrario al diktat del politicamente corretto. Stabilire ex lege che la magistratura avrà il potere di censurare alcune manifestazioni del pensiero – conclude la nota di CasaPound Italia FVG – senza, tuttavia, definirne i limiti rischia di creare uno Stato in cui ogni cittadino potrà avere paura di dire la propria opinione come ad esempio che un bambino possa nascere solo da una madre perché ciò potrebbe offendere la sensibilità ed essere discriminatorio nei confronti di chi si sente donna seppur nato uomo”




168 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti